Christmas big lunches and how to survive them.

A Bodypositive point of view.

Dinners, brunches, lunches, meetings dedicated to the abundance of high-calories foo and low in nutrients. For many is a joy, for the most is a nightmare. With the resulting propaganda from this Holyday period, from diets and questionable methods to ‘back tobeing happy and fit’, that in itself should make us understand that perverse mechanism we are in.
Consuming large amounts of unnecessary food, bingeing mixed with pleasure and overcome with guilty feelings, then ‘dieting’ to eliminate the effects of the above behaviour.
Do not you find the whole thing really funny?

A series of shocks to our metabolism, a series of mixed emotions for our soul. I talk about how I see and I live this holydays abundance of food, and how many influential Bodypositive authors see it.

Concern about food, and fear of being fat are rooted and taken for granted in our society, the fat-sick association is taken as indisputable axiom. And everything is overrated, and stirred to profit (the ‘diet industry’ business).
We should learn to consider food as fuel for the incarnate life, live the relationship with food naturally and eat for surviving, rather than attributing negative valence or just pleasure.
Often, especially in this period, we consider the food as our enemy, as a yardstick of our willpower, when we resist to food’s call (forgetting that hunger is physiological and not a sign of weakness) or element to take up inner sense of emptiness. Even we use to prove our moral superiority!
The post-binges fitness activity is seen as a duty, the right penance for having eaten too much, instead we should move to the joy of feeling your body and strength of it. The food itself does not oblige us to be ingested in quantities exceeding our capacity, there is no one that binds us to a chair to swallow delicious Pandoro (a tipical Italian Christmas sweet cake, rich in butter and I do love it!), but just ourselves.
We have to learn to feel the food for what it is and to understand that the negative value is our construct, the food is a source of life, it is not our enemy but our fuel to survive.

If you just can not live peacefully with the usual Christmas time binge eating, and I can understand your feelings, just think that certain foods that we fear are available only in this period. It sounds a comforts to us? Not to me, I love the Pandoro! But this does not mean that I have to eat half Pandoro a day or feel bad as a murderer, because I have eaten a slice.
I remind you that even the most wise doctors and experts on food, advise against getting at the Christmas dinners hungry because it is precisely when we are starving our body in alarm it causes us to eat more and fat stores in the body more than in normal way.

I wish you happy Christmas lunches, see ya all in January.

yours, Samantha Schloss

“We are obsessed in looking for ways to change our bodies, when we should channel our energy thinking about how to improve the world.”

Annunci

Abbuffate Natalizie e come sopravvivere ad esse.

landscape-1448360693-criceto-mangia-biscotto-pranzo-cena-di-nataleUno spunto di riflessione Bodypositive.

Cene, merende, pranzi, ritrovi all’insegna dell’abbondanza di cibo ipercalorico e povero di nutrienti. Per molti una gioia, per i più un vero incubo. Con la martellante propaganda conseguente di diete e metodi discutibili per ‘tornare a essere felici e in forma’, già questo dovrebbe farci capire in che meccanismo perverso e indotto finiamo. Consumare ingenti quantità di cibo spesso superfluo, abbuffarsi con piacere mescolato e superato dal senso di colpa, poi ‘mettersi a dieta’ spesso in modo scriteriato, per eliminare gli effetti dell’azione di cui sopra.
Non lo trovate davvero buffo?

Una serie di scosse per il nostro metabolismo, una serie di emozioni contrastanti per la nostra anima. Vi parlo di come la vedo e vivo io e di come la vedono molte autorevoli autrici Bodypositive.

La preoccupazione riguardo al cibo e la paura di essere grassi sono radicate e date per scontate nella nostra società, l’associazione grasso-malato è assunta quale assioma indiscutibile. E tutto è eccessivamente ingigantito e fomentato ai fini di lucro.
Dovremmo imparare a considerare il cibo come carburante per la vita incarnata, viverlo con naturalezza e mangiare per sopravvivenza, anzichè attribuirgli valenza negativa o di piacere.
Spesso, soprattutto in questo periodo di convivialità, consideriamo il cibo quale nostro nemico, come metro di misura della nostra forza di volontà, quando gli resistiamo (dimenticando che la fame è fisiologica e non debolezza) o elemento per compensare i vuoti interiori. Addirittura lo usiamo per dimostrare la nostra superiorità morale!
L’attività fisica post abbuffate è vista come dovere, la giusta penitenza per aver mangiato troppo, invece dovremmo muoverci per la gioia di sentire il nostro corpo e forza di esso.

Il cibo non ci obbliga a essere ingerito in quantità superiori alla nostra capienza, non c’è nessuno che ci lega a una sedia a inghiottire deliziosi pandori, se non noi stessi.
Impariamo a vedere il cibo per quello che è e a comprendere come la valenza negativa attribuita ad esso è un nostro costrutto, il cibo è fonte di vita ma inanimato, non è nostro nemico bensí la nostra fonte primaria di sopravvivenza.

Se proprio non riusciamo a vivere serenamente le consuete abbuffate pensiamo che certi cibi temuti sono proposti solo in questo periodo. Ci consola? A me no, io adoro il Pandoro!

Ma questo non significa che ne mangio mezzo al giorno o mi sento brutta come una pluriomicida perchè ne ho mangiata una fetta minuscola.
Vi ricordo che anche gli addetti ai lavori più titolati sconsigliano di arrivare alle cene natalizie affamati perchè è proprio quando siamo affamati che il nostro corpo in allarme ci induce a abbuffarci di più e trasforma in depositi di grasso più che in condizioni normali.

Vi auguro serene abbuffate, ci sentiamo a Gennaio.

Vostra Samantha Schloss

“Ci ossessioniamo alla ricerca di modi per cambiare i nostri corpi, mentre dovremmo incanalare la nostra energia pensando a come migliorare il mondo.”

Il Corpo Disegnato: essere modelle per pittori è tutta un’altra cosa.

Posare per pittori e disegnatori è tutta un’altra cosa: essere modelle per pittori non prevede sconti, non ci sono filtri e postproduzione, il tempo di posa è lunghissimo. Una “terapia urto” che consiglio a chi tende a non piacersi, a non accettare il proprio corpo.

Una delle cose più stimolanti che faccio nel mio percorso di artista e attivista Bodypositive è fare la modella per i pittori.

Stare nuda e immobile per diverse ore con un gruppo di persone che osservano, misurano, disegnano il tuo corpo. Un’attività con cui ho dimestichezza avendo una formazione artistica in accademie di belle arti e scuole di scultura.

Aiuta a rafforzare la percezione di sè (del proprio sè incarnato, corporeo) e l’autostima.

I pittori non giudicano il corpo, lo disegnano semplicemente, come fosse un oggetto. Del resto è parte del filone del Nudo, disegnare corpi umani come fossero strutture o oggetti, senza giudizio, è anche uno degli insegnamenti di Cèzanne.

Una pittrice ieri mi ha detto “che bella che sei, proprio bella!” e ho sorriso pensando “lo so!” non ho paura a dire che sento di essere bella. Vedo il mio corpo nudo, le pieghe del grasso che lo compone, la pelle a tratti butterata e sono serena, non provo vergogna anche se so che secondo molti dovrei provarla. Io sto bene in questo mio corpo.

Disegni di Daniel Espen, Alessandro Alghisi e Bruna Gelpi. Continua a leggere “Il Corpo Disegnato: essere modelle per pittori è tutta un’altra cosa.”

Attraverso un mezzo apparentemente frivolo, rielaboriamo criticamente i canoni di bellezza imposti.

Le Sfilate che organizzo hanno il duplice scopo di mostrare gli abiti che produco, concepiti per valorizzare il corpo femminile e non nascondere o camuffare: nessun tributo di inferiorità o colpevolezza al non essere aderenti a un canone imposto, nessun ‘nonostante sono grassa, sono bella’ e frasi simili che non posso più ascoltare,  e lanciare il messaggio.  Le modelle sono donne, amiche, di ogni taglia e età (per ragioni di privacy qui ci sono solo le mie immagini, per il resto vi rimando a FB) che entusiaste partecipano e condividono la Mission.

Con il nostro corpo comunichiamo un messaggio: la bellezza possibile dei corpi fuori dai canoni imposti. La bellezza del corpo che si possiede e che si ama, la bellezza di chi si sente bello. La bellezza della diversità e dell’originalità, la bellezza dell’autenticità. Attraverso un mezzo apparentemente frivolo come la Moda e le sfilate comunichiamo un messaggio profondo, azioni che alimentano una cultura. Rielaboriamo criticamente dei canoni di bellezza imposti e controversi. I nostri corpi naturali e spontanei sono un atto d’amore, un esibizionismo funzionale e speriamo un esempio per chi ancora lotta contro sè stessa e non a favore di sè stessa.